Non aprite prima di Natale, Edmund Purdom, 1984

Non aprite prima di Natale (1984): un bizzarro slasher britannico

Il film di Edmund Purdom è uno sfortunato horror natalizio con diversi problemi di produzione ma con qualche idea originale e dei cenni al punk.

Non aprite prima di Natale (Don't Open Till Christmas, 1984)

🇬🇧 Non-Italian speakers take note! This article on Edmund Purdom's Don't Open Till Christmas (1984) is only available in Italian language. However, you can still rely on Google Translate for a rough translation.

Non aprite prima di Natale

Don’t Open Till Christmas
Edmund Purdom, UK 1984, 86’

Un assassino mascherato uccide tutti gli uomini vestiti da Babbo Natale che incontra per le strade di Londra, ma l’ispettore capo Ian Harris (Edmund Purdom) è sulle sue tracce.

Unica prova di regia di Edmund Purdom, più noto come attore, soprattutto nell’ambito del cinema di genere.

Questo slasher natalizio, che vede lo stesso Purdom nel ruolo del protagonista, risente pesantemente dei continui contrasti tra lui e la produzione, che lo portarono ad abbandonare i lavori prima che il film fosse portato a termine.

Non aprite prima di Natale

Le riprese, avviate nel dicembre del 1982 e proseguite con estrema lentezza, furono completate solo agli inizi del 1984 dallo sceneggiatore Derek Ford e dal montatore Ray Selfie, che inoltre girarono di nuovo diverse sequenze già dirette da Purdom, visto che a quel punto alcuni attori non erano più disponibili e i loro ruoli dovettero essere affidati ad altri interpreti.

Don't Open Till Christmas

Non sorprendono, quindi, né la qualità altalenante della regia né la disomogeneità della fotografia, che fanno passare in secondo piano gli aspetti positivi del film. Ad esempio, l’immagine del serial killer è azzeccata, inoltre gli omicidi sono ben realizzati e si svolgono ogni volta secondo modalità differenti.

La colonna sonora è abbastanza originale, dato che il compositore Des Dolan alterna qualche episodio reggae dub alle consuete musiche d’atmosfera che ci si aspetterebbe in un film del genere: non si ha certo l’impressione di ascoltare King Tubby, ma questa scelta singolare contribuisce a conferire un tocco di personalità alla pellicola.

Caroline Munroe

Per quanto riguarda il cast, si segnalano la presenza della cantante pop Caroline Munroe, che interpreta se stessa (uno dei delitti si svolge nel corso di una sua esibizione), e la valida prestazione di Pat Astley, che con Non aprite prima di Natale conclude la sua lunga carriera di attrice sexy indossando i (pochi) panni della modella Sharon.

Pat Astley

Nell’unico segmento di interesse sottoculturale appare una piccola gang di punk rocker, il cui solo tocco di autenticità è dato da una maglietta dei Cramps.

Bisogna ammettere, comunque, che vedere ragazze e ragazzi punk inseguire Babbo Natale per rubargli la bicicletta è piuttosto divertente.

I punk di "Non aprite prima di Natale"

Nel complesso non si tratta di un pessimo film, ma le disavventure legate alla produzione lo rendono consigliabile solo ai fan più accaniti del cinema horror degli anni ‘80.

Non aprite prima di Natale è disponibile per intero su YouTube, ma solo nell’edizione originale in lingua inglese.

Lo slasher horror natalizio "Non aprite prima di Natale"

Trailer – Non aprite prima di Natale

Segui Crombie Media!

Ti piacciono il cinema di genere e le sottoculture?

Seguici sui social (Facebook, Instagram, Twitter) e iscriviti alla nostra newsletter!

close
Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle novità di Crombie Media!
* Per maggiori informazioni sulla newsletter e sul trattamento dei dati personali (RGPD), fai riferimento all’apposita pagina.

Pubblicato da

Flavio Frezza

Mi occupo di sottoculture (skinhead, mod, punk, ecc.) e dei generi musicali a queste connessi. Gestisco il blog Crombie Media, l'etichetta Crombie Media Music, canto nei Razzapparte e sono il manager degli Unborn. Nel 2017 Hellnation Libri ha pubblicato il mio libro Italia Skins, e in seguito la stessa casa editrice ha dato alle stampe le edizioni italiane di Spirit of '69 e di Skinhead Nation di George Marshall, curate dal sottoscritto. Se vuoi saperne di più, leggi il seguente articolo: Un’intervista con Flavio Frezza: gli skinhead italiani e il libro “Italia Skins”.

Commenta questo articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.