Shock antistatico

“Shock antistatico – Il post-punk italiano 1979-1985” di Stefano Gilardino

Letizia Lucangeli recensisce il nuovo libro di Stefano Gilardino sul post-punk italiano

"Shock antistatico", il libro sul post-punk italiano di Stefano Gilardino

🇬🇧 Non-Italian speakers take note! This article is only available in Italian language. However, you can still rely on Google Translate for a rough translation.

Recensione del libro “Shock antistatico” di Stefano Gilardino

Il concetto di hauntology, che unisce i due termini haunting e ontology, definisce la persistenza del passato che ci ossessiona come un fantasma. Sul revival degli anni ’80 cui assistiamo da qualche anno aleggia questo spettro dall’abbraccio insieme rassicurante e malinconico per una generazione nata tra il 1968 e il 1975, che immaginava un futuro sperimentale e analogico insieme, dello stesso segno della musica che, increduli, un giorno abbiamo iniziato ad ascoltare su cassette sovraregistrate mille volte.

Ciascuno di noi forse ricorda quando si è svolto il suo primo incontro con il post-punk. Shock antistatico – Il post-punk italiano 1979-1985, il libro di Stefano Gilardino – noto scrittore e giornalista musicale – sulla scena italiana, susciterà in molti ricordi sepolti in un angolo della memoria a lungo termine, quella definita “cristallizzata”: la più perseverante e perniciosa, inevitabilmente legata ad alcune esperienze ritenute fondanti della personalità.

Band e musicisti che sembravano dimenticati, i cui nomi magari erano apparsi di sfuggita una sola volta su una fanzine o una rivista musicale emergono più che mai vividi, tanto da ammonirci che tutto ciò che è accaduto dopo è in fondo poca cosa, perché una parte di noi è ancora lì, davanti a quelle pagine.

Shock antistatico, oltre a essere un libro dalla lettura scorrevole e divertente, è un puntuale archivio della galassia di formazioni e scene locali di matrice post-punk che agitavano l’Italia degli anni a cavallo tra la fine dei ’70 e l’inizio degli ’80, e costituisce una cronaca ricca di testimonianze dei protagonisti dell’epoca.

Come sottolineato da un’altra importante pubblicazione, Creature simili – il dark a Milano negli anni ’80 di Simone Tosoni e Emanuela Zappalà, la cornice storica e sociale in cui si sviluppano alcune scene sottoculturali nel nostro paese è piuttosto peculiare.

Gli anni ’60 e ’70 in Italia sono teatro di tentativi di golpe, strategia della tensione e lotta armata. La politica permea molti aspetti della vita sociale e gli anni ’80 sono, per contrasto, caratterizzati dalla fuga nel privato e nell’ostentazione dell’apparenza. Chi rifiuta il “nuovo ordine” si ritira nell’introspezione. Si dice che il post-punk sia furia implosa, e i suoni stregati che provenivano allora dalla Gran Bretagna ne sono la dimostrazione.

Shock antistatico presenta diversi elementi di particolare interesse. Innanzitutto, il riconoscimento dell’originalità della realtà post-punk italiana. Chiunque segua o abbia seguito la scena musicale alternativa del nostro paese può facilmente rendersi conto di come il punk, l’hardcore o il post-punk non siano stati pedissequamente riprodotti, ma reinterpretati (grazie anche ai testi in italiano) con personalità e classe.

Diverse band italiane hanno acquisito un buon seguito in alcuni paesi europei e la nostra scena ha in generale goduto di grande rispetto. Il post-punk narrato in Shock antistatico costituisce un momento seminale per la nascita di una vera e propria avanguardia, che lascerà il segno anche nelle derive più pop e commerciali.

Il secondo elemento evidenziato dal libro è la grande spinta a sperimentare nuovi linguaggi musicali e culturali in un mondo ancora analogico, in cui le informazioni viaggiavano con una lentezza oggi inconcepibile.

La forza di quell’epoca, tuttavia, risiede proprio nella mancanza di velocità: qualsiasi tendenza e novità veniva esaminata e approfondita, ed è facile confrontare questo atteggiamento con il surplus informativo contemporaneo, che frulla e appiattisce tutto a velocità supersonica generando superficialità e ignoranza di ritorno in un unico magma indistinto.

Il terzo elemento, a nostro avviso il più caratterizzante, è la fondamentale importanza rivestita dalle città di provincia nella nascita e nello sviluppo della scena: si pensi ad esempio a Pordenone, che grazie al suo peculiare tessuto sociale in cui la classe lavoratrice ha sempre ricoperto un grande ruolo, ha contribuito in modo seminale con The Great Complotto, un collettivo artistico e musicale che ha lasciato un’impronta epocale nel post-punk italiano.

Shock antistatico, in conclusione, ha il grande merito di aver non solo tracciato una mappa del post-punk italiano ricordando anche realtà piccole e microscopiche, ma ha anche dedicato il giusto tributo al duo che, a nostro avviso, è stato il più grande innovatore della scena: i Krisma di Christina Moser (responsabile dell’evoluzione artistica del duo) e Maurizio Arcieri.

A Maurizio, in occasione della sua ingiusta e prematura scomparsa nel 2015, Johnson Righeira dedica queste bellissime parole, che condensano lo spirito e le ragioni per cui il post-punk ha cambiato la vita a molti di noi:

È morto quello che quando pubblicavo una fanzine punk nel 1978 me ne comprava un numero di copie sufficiente a farmi stampare il numero successivo. È morto il mio babbo musicale. È morto un genio spesso incompreso. È morto il pioniere della musica elettronica italiana. È morto il più grande musicista elettronico italiano. È morto un uomo meraviglioso. È morto Maurizio Arcieri.

Scheda del libro “Shock antistatico”

Shock antistatico – Il post-punk italiano 1979-1985
Stefano Gilardino
Goodfellas 2021, 227 pp.

Segui Crombie Media

Se sei interessato alle sottoculture giovanili e alla musica punk e post-punk, seguici sui social (Facebook, Instagram, Twitter) e iscriviti alla nostra newsletter!

 

 

 

close
Iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle novità di Skinhead Sounds e Crombie Media!
* Per maggiori informazioni sulla newsletter e sul trattamento dei dati personali (RGPD), fai riferimento all’apposita pagina.

Pubblicato da

Letizia Lucangeli

Sono direttore artistico della rassegna cinematografica Immagini dal Sud del Mondo, ho scritto di cinema per il blog Indieforbunnies e di cultura punk e industrial per il blog BraiNoise.

Commenta questo articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.