Agnostic Front - The Godfathers of Hardcore

Il documentario “The Godfathers of Hardcore” (2017)

Ian McFarland racconta la storia degli Agnostic Front nel film “The Godfathers of Hardcore”

"The Godfathers of Hardcore", Ian McFarland, 2017

🇬🇧 Non-Italian speakers take note! This article about the documentary The Godfathers of Hardcore is only available in Italian. However, you can rely on Google Translate for a rough translation.

Un documentario sugli Agnostic Front

The Godfathers of Hardcore è l’attesissimo documentario sugli Agnostic Front girato da Ian McFarland (ex-Blood for Blood) e prodotto dalla società indipendente McFarland & Pecci.

Abbiamo scritto “attesissimo” perché, nonostante sia uscito alla fine del 2017, finora non molte persone hanno avuto la possibilità di vederlo: a meno che non abbiate modo di partecipare a una delle proiezioni ufficiali – pochissime delle quali, finora, si sono tenute in Europa, e nessuna in Italia – l’unico modo legale di vedere il film è attraverso Showtime, un servizio streaming a pagamento, al momento non disponibile nel nostro paese.

Non è chiaro se il documentario – della durata di 95 minuti – uscirà mai su qualche supporto fisico (DVD, Blu-Ray), anche se, per la verità, esiste già una tiratura limitata in formato DVD, che è però stata riservata a chi ha finanziato il lungometraggio tramite la campagna Kickstarter.

Il film – particolarmente incentrato sul cantante Roger Miret e sul chitarrista Vinnie Stigma, ma che dà spazio anche ad altri membri del più grande gruppo della scena New York Hardcore – è stato prodotto in maniera egregia, e alterna interviste e concerti recenti a materiale d’archivio risalente soprattutto agli anni ’80.

Galleria d’immagini

Per darvi un’idea più esauriente sui contenuti di The Godfathers of Hardcore, riproduciamo di seguito alcuni fotogrammi estrapolati dal lungometraggio.

Vinnie Stigma
Vinnie Stigma alla fine degli anni ’70: il periodo punk.
Roger Miret (The Psychos, Agnostic Front)
Roger Miret al basso con la sua band The Psychos, una delle primissime formazioni della scena NYHC. Nel 1982, Roger lasciò il gruppo e si unì agli Agnostic Front.
The Godfathers of Hardcore: Agnostic Front
Agnostic Front, gli anni skinhead: Roger Miret e Vinnie Stigma in azione!
The Godfathers of Hardcore
Il primissimo pubblico degli Agnostic Front.
The Godfathers of Hardcore: Vinnie Stigma and Roger Miret
I padrini dell’hardcore: Vinnie Stigma e Roger Miret.
Raymond "Raybeez" Barbieri (Agnostic Front, Warzone)
Il compianto Raymond “Raybeez” Barbieri – in seguito voce dei Warzone – alla batteria con gli Agnostic Front.
Todd Youth (Agnostic Front, Warzone, Murphy's Law)
Todd Youth suonò per qualche tempo con gli Agnostic Front, pur senza registrare nulla con loro. Il chitarrista – scomparso di recente – si fece un nome in seguito, grazie al grande contributo dato ai Warzone e ai Murphy’s Law.
Harley Flanagan (Cro-Mags)
Harley Flanagan dei Cro-Mags – che fu, secondo quanto si dice comunemente, il primo skinhead statunitense – appare in diverse scene di The Godfathers of Hardcore.
Agnostic Front's Roger Miret
Roger Miret con la sua prima figlia, Nadia. In un’intervista che appare nel documentario, Roger dichiara: «Ero un ragazzino che tentava di allevare un’altra ragazzina».
Freddy Madball
Un giovanissimo Freddy “Madball” Cricien, fratellastro di Roger Miret.
Vinnie Stigma action figure
L’action figure di Vinnie Stigma non è che uno dei numerosi oggetti da collezione che vengono mostrati nel film.
Vinnie Stigma
Vinnie Stigma a Roma: il chitarrista gioca a fare il gladiatore di fronte al Colosseo.
Roger Miret
Roger Miret nel camerino, nel corso di un tour in Italia.
The Godfathers of Hardcore: Vinnie Stigma
Vinnie Stigma nel suo appartamento del Lower East Side.
Vinnie Stigma and Jack "Choke" Kelly
Stigma in versione punk con Jack “Choke” Kelly (Slapshot, Stars and Stripes).

“The Godfathers of Hardcore”, l’album

Anche se per ora non è possibile acquistare una copia fisica del film, l’accoppiata McFarland e Pecci ha prodotto diverso materiale destinato alla vendita, tra cui poster e magliette.

L’articolo più interessante, comunque, è l’LP The Godfathers of Hardcore: Original Motion Picture Score, stampato su vinile a 180 grammi, color argento, con copertina apribile e poster all’interno.

Non si tratta, però, della colonna sonora completa, ma soltanto dell’original score composto da Aaron Drake. Il disco non include, quindi, né brani della band né pezzi degli altri gruppi NYHC che appaiono nel documentario.

Aaron Drake - The Godfathers of Hardcore LP

Link

Seguono alcuni link ai canali ufficiali tramite i quali è possibile essere aggiornati sulle novità relative a The Godfathers of Hardcore:

Vi ricordiamo, infine, che se siete interessati ai film relativi alle sottoculture giovanili e ai generi musicali a queste connessi, potete dare uno sguardo agli altri articoli di questo genere presenti su Crombie Media.

E se volete essere aggiornati sulle nostre attività, non dimenticate di seguirci sui social: siamo infatti presenti su Facebook, Instagram e Twitter.

Published by

Flavio Frezza

Mi occupo di sottoculture (skinhead, mod, punk, ecc.) e dei generi musicali a queste connessi. Gestisco il blog Crombie Media, l'etichetta Skinhead Sounds, canto nei Razzapparte e sono il manager degli Unborn. Nel 2017 Hellnation Libri ha pubblicato il mio libro Italia Skins.

2 thoughts on “Il documentario “The Godfathers of Hardcore” (2017)”

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.