La Tribuna illustrata: mod contro rocker

Mod e rocker su una copertina de “La Tribuna illustrata” (1964)

Nell’estate del 1964, il panico morale sulla rivalità tra mod e rocker sbarcò in Italia

Mod e rocker sulla copertina de "La Tribuna illustrata"

🇬🇧 Non-Italian speakers take note! This article about the media coverage of mods and rockers is only available in Italian language. However, you can still rely on Google Translate for a rough translation.

Mod contro rocker

Il 7 giugno del ’64 il settimanale romano La Tribuna illustrata, fondato nel 1890, dedicò l’immagine di copertina agli scontri tra mod e rocker che in quel periodo avevano luogo in diverse località del Regno Unito, soprattutto nel corso dei bank holidays.

I mass media britannici diedero grosso risalto agli episodi di violenza, creando un autentico panico morale, i cui echi giunsero fino in Italia.

Mod contro rocker in "Quadrophenia" (1979)
Una gang di rocker insegue un mod. Immagine tratta dal film Quadrophenia (1979) di Franc Roddam.

I mod, i rocker… e Ricky Shayne!

Non ci volle troppo tempo affinché, nel nostro paese, si cominciasse ad assistere ai primi tentativi di sfruttare commercialmente la sottocultura mod.

In particolare, il cantante e attore Ricky Shayne fu convinto dal produttore Franco Migliacci a fare la parte del mod, a dispetto del fatto che egli fosse inequivocabilmente un rocker.

Di questa vicenda ci ha parlato dettagliatamente Antonio Bacciocchi nel suo articolo Ricky Shayne: il rocker che si finse mod, perciò ci limitiamo a ricordare che Shayne registrò i singoli “Uno dei mods” (1965) – il testo parlava di un cruento scontro tra mod e rocker – e “Vi saluto amici mods” (1966).

Egli inoltre ricoprì il ruolo del protagonista “mod” nella coproduzione italo-tedesca La battaglia dei mods (1966), film diretto da Franco Montemurro e ambientato tra Liverpool e Roma.

La battaglia dei mods (1966)

“Benessere senza civiltà”

Ma torniamo ai mod e ai rocker ritratti sulla copertina de La Tribuna illustrata.

La didascalia recitava:

Benessere senza civiltà: migliaia di giovani di ambo i sessi, appartenenti a due bande rivali, si sono scontrati sulle spiagge di Margate, Folkestone e Brighton, devastando i locali e le attrezzature balneari e picchiandosi selvaggiamente tra il panico dei turisti.

Un morto, venti feriti e centinaia di milioni di danni sono il bilancio di questa assurda guerra combattuta da giovani nati dopo l’ultimo conflitto.

La didascalia, quindi, rimandava all’interno del giornale: «Leggere a pag. 36-37: Siete un “mod” o un “rocker”?». Purtroppo non ci è stato ancora possibile reperire l’articolo completo.

Un gruppo di giovani rocker nel film Poor Cow (1968) di Ken Loach.

L’immagine di copertina fu notata oltremanica. Poco tempo dopo, infatti, se ne occupò il mensile britannico The Solicitors Journal.

L’autore dell’articolo definì l’illustrazione «molto vivace», e commentò piccato che «per quanto la nostra bella gioventù possa risultare esotica, il disegnatore mediterraneo ha senz’altro calcato la mano nella resa della rissa, con quelle facce scure, quei coltelli lucenti e quello scontro feroce tra due ragazze».

Il giornalista passava quindi ad elencare alcuni disordini giovanili avvenuti in città europee come Stoccolma, Fihnahmn, Öregrund e così via, come per sminuire quanto accadeva allora nel Regno Unito.

Segui Crombie Media

Se sei interessato alle sottoculture giovanili e ai generi musicali ad esse associati, seguici tramite i nostri profili social:

Published by

Flavio Frezza

Mi occupo di sottoculture (skinhead, mod, punk, ecc.) e dei generi musicali a queste connessi. Gestisco il blog Crombie Media, l'etichetta Skinhead Sounds, canto nei Razzapparte e sono il manager degli Unborn. Nel 2017 Hellnation Libri ha pubblicato il mio libro Italia Skins, e nel 2019 la stessa casa editrice ha dato alle stampe l'edizione italiana di Spirit of '69 di George Marshall, curata dal sottoscritto.

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.